Iker ed Eneko Pou: un mese in Perù tra aperture e prime libere

Tre grandi salite per i fratelli spagnoli in Sud America

08 settembre 2017

Un mese, tanto è durata la spedizione di Iker ed Eneko Pou in Sud America, precisamente in Perù, dove hanno fatto registrare delle salite importanti.

Accompagnati da Manu Ponce e Pedro Galan con Lina Schütze e Luis Rizo come cameramen, i Pou Brothers hanno per prima cosa aperto Yaku Mama (Madre Acqua), 7a+/185m in prossimità del primo salto Cascata di Gocta. Il posto è una bellezza stravolgente. Queste cascate furono scoperte solo nel 2002 e hanno un’altezza di 770 metri. Purtroppo per la condizione della roccia, non hanno potuto proseguire anche lungo il secondo salto e hanno quindi cambiato meta.

In 24 ore di pullman, hanno raggiunto Huaraz, a 3000 metri, e per di più sprovvisti totalmente di materiale per il freddo poiché venivano da una zona molto calda. Le cose si sono complicate ulteriormente quando sono saliti ancora raggiungendo la bellissima Rurec Valley a 4200 metri dove hanno posizionato il campo base per cinque giorni. Qui hanno salito a vista liberandola completamente Qui Io Vado Ancora, via del Ragni di Lecco Fabio Palma, Andrea Pavan e Simone Pedeferri del 2006, che ha ora una nuova gradazione di 7c+/8a per 585 metri e sale lungo l’imponente Chaupi Huaca (5179m).

Dopo due giorni di riposo al campo base, sono tornati nella Rurec Valley dove in sei giorni, di cui tre passati in parete, hanno aperto Zerain, una nuova magnifica via di 860 metri che raggiunge l’8a di difficoltà e che i due hanno dedicato all’amico Alberto Zarain, scomparso tragicamente sul Nanga Barbat.

90th 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875