K2, Nanga Parbat, Manaslu

L'inverno “caldo” degli Ottomila: situazione e protagonisti

06 gennaio 2019
K2, Nanga Parbat, Manaslu: sono questi i colossi nel mirino dei fortissimi per una stagione invernale davvero “calda” sugli Ottomila.

Il K2, finora mai salito in inverno, è preso d’assalto contemporaneamente da due spedizioni internazionali: quella del basco Alex Txikon et del kazako Vassily Pivtsov. Entrambi i gruppi sono già arrivati a Islamabad. La spedizione di Alex Txikon tenterà forse la salita per la Via Americana del 1978 che si sviluppa in parte lungo la cresta NE, esposta al vento. Il team di Pivtsov opterà invece per il più classico Sperone degli Abruzzi.

Un’altra squadra, composta da Daniele Nardi e Tom Ballard accompagnati dai pakistani Rahmat Ullah Baig e Kareem Haya, si trova già al C2 del Nanga Parbat. Questo ben assortito team progetta di tracciare un nuovo itinerario lungo lo Sperone Mummery, già tentato più volte dallo stesso Nardi.

Infine il Manaslu, già scalato in invernale nel 1984 da Maciej Berbeka e Ryszard Gajewski, è l’obiettivo di altri due fuoriclasse: Simone Moro e Pemba Gyalje Sherpa. L’alpinista italiano tenterà, insieme al compagno nepalese, l'ascensione in stile alpino. I due alpinisti hanno già fatto un bel po’ di allenamento con varie marce in quota e la salita del Mera Peak (6476 m).

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875