Capanna Carrel, confermato l’obbligo di prenotazione

Da oggi è necessario riservare il proprio posto nel bivacco sulla via italiana al Cervino

12 luglio 2019
È confermato e scatta da oggi, 12 luglio l’obbligo di prenotazione Capanna Carrel, sulla Cresta del Leone, la via italiana al Cervino.

Come anticipato nel nostro articolo del maggio scorso, la Società delle Guide del Cervino ha deciso di disciplinare l’accesso alla Capanna Carrel per evitare il sovraffollamento degli ultimi anni, ridurre code e intasamenti mattutini e limitare i rifiuti non solo nei pressi della Capanna ma sulla stessa montagna. A presidiare, durante tutto il periodo estivo, una guida alpina che avrà il compito di controllare le prenotazioni, garantire la pulizia e gestire al meglio l’affluenza sulla via normale italiana.

La Capanna Carrel si trova a 3830 m ed è raggiungibile con il superamento di passaggi alpinistici. Inaugurata nel 1969, è stata in parte ristrutturata e ingrandita negli ultimi decenni. Intitolata a Jean-Antoine Carrel, primo scalatore del Cervino lungo la cresta Sud-Ovest, è attrezzata di materassi e coperte. I posti letto disponibili su prenotazione sono 40, mentre altri 18 posti sono a disposizione delle Guide Alpine del Cervino e dei loro clienti. Non c’è l’acqua corrente e scarseggia anche la neve da fondere, né vi sono i servizi igienici, né provviste alimentari, se non le necessarie per le emergenze.

Nessuna ordinanza è stata emessa e quindi non ci sono sanzioni pecuniarie né limitazioni d'accesso alla salita. A chi non prenota, però, non si potrà garantire il pernottamento all'interno della capanna: «Le Guide Alpine non vogliono limitare la possibilità di salire sul Cervino» sottolinea il Presidente della Società delle Guide Alpine del Cervino, Flavio Bich. «Con questa regolamentazione si vuole sensibilizzare gli alpinisti a fruire della montagna in maniera consapevole tenendo conto anche dei propri mezzi e dei propri limiti. La via normale italiana al Cervino è una via lunga e impegnativa che richiede una buona esperienza alpinistica. Non vogliamo imporre il numero chiuso come è stato fatto sul versante francese del Monte Bianco, ma cercare di evitare che persone poco esperte mettano a rischio la propria incolumità e quella degli altri. Il Cervino dovrebbe essere un obiettivo da porsi quando si ha già un buon curriculum alpinistico: le insidie naturali sono tante e, se si aggiunge il sovraffollamento, certe situazioni diventano difficili da gestire soprattutto se non si ha esperienza».

Il Cervino è una montagna famosa e al tempo stesso molto ambita: «Con un buon allenamento e con una guida alpina che ha la necessaria esperienza e conoscenza della via, l’ascensione si può completare anche in giornata, partendo dall'Oriondé. La sicurezza impone un solo cliente per guida e le cordate devono essere al massimo di due alpinisti, per non allungare ulteriormente i tempi di salita e discesa dalla via» conclude Flavio Bich.

La prenotazione può essere effettuata via mail scrivendo a info@guidedelcervino.com oppure telefonando all’Ufficio Guide del Cervino: 0166 948169, negli orari d’ufficio 9 - 12 e 14,30 - 18,30. È richiesta un’offerta minima di €30 per gli alpinisti (€15 per le guide alpine) da versare all'atto della prenotazione previo accordi con la segreteria delle guide del Cervino. Le somme ricevute saranno destinate alla gestione e manutenzione della capanna e a tutte le spese ordinarie come, ad esempio, il trasporto del gas portato su in elicottero, lo smaltimento dei rifiuti e la manutenzione sia della struttura sia degli ancoraggi e delle corde fisse (disponibili per tutti gli alpinisti) sulla via normale italiana che periodicamente devono essere verificate e sostituite.

Info: www.guidedelcervino.com.

740x195 climbingym

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875