Neve fresca d’estate

Prudenza alle quote più elevate del Monte Bianco e del Cervino

21 agosto 2019
Neve fresca d’estate: grazie a un relativo abbassamento delle temperature, i recenti temporali hanno portato un po’ di neve fresca in montagna.

Nella catena del Monte Bianco si segnalano fino a 30 cm di neve fresca alle quote più elevate. Queste nevicate, accompagnate da vento forte, hanno formato uno strato diseguale che può nascondere i crepacci e formare ponti fragili. Sugli itinerari che si svolgono in alta quota (specialmente quello dei Trois Monts) non è escluso un certo rischio di valanghe. La neve fresca inoltre può trarre in inganno in fase di valutazione delle condizioni, donando un’apparenza ben innevata a pendii che in realtà, sotto il sottile strato di neve recente, sono in ghiaccio vivo o ghiaccio nero e/o roccia: è il cosiddetto effetto “cache-misère”.

Anche sul Cervino è caduta un po’ di neve: le rocce a monte della Capanna Carrel sono piuttosto verglassate.

Fonti: La Chamoniarde, Refuge des Cosmiques, Società Guide del Cervino.

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875