Greg Boswell e Jeff Mercier, nuove vie a Senja

In Norvegia

22 febbraio 2018
Greg Boswell e l'alpinista francese Jeff Mercier sono appena tornati da un viaggio breve ma di grande successo nell'isola norvegese di Senja nel circolo polare artico. I due hanno stabilito sette nuove vie in soli otto giorni, di cui tre su pareti significative inscalate.

Mentre Jeff era andato sull'isola già due volte, per Greg era il suo primo viaggio a Senja - in gran parte ispirato alle foto di Ines Papert della sua visita nel 2013. Jeff e Greg erano insieme a Senja per un photoshooting di Rab, ma sono riusciti a trovare il tempo per aprire nuovi itinerari. Greg ha detto a UKC:

"Non ero mai stato con Jeff in montagna prima, solo in falesia,  ma penso che abbiamo lavorato bene insieme e la nostra lista di vie parla da sola."

Durante il primo giorno, la squadra ha scalato una linea mista per raggiungere un po' di ghiaccio sopra una sporgenza che aveva già visto un'ascesa attraverso una linea diversa. Greg ha commentato: "La via per noi è stata nei primi tre tiri. Questi tiri avevno bisogno di audacia e allo stesso tempo di scalata molto tecnica! Per dare loro un grado scozzese, sarebbe P1-IX / 9, P2 IX / 8 e P3 VIII / 8, quindi tutto abbastanza speziato. Abbiamo poi scalato insieme glii ultimi 80 metri di ghiaccio WI4 ".

Il giorno successivo, Greg e Jeff hanno aperto una linea sulla parete nord di Stormoa che avevano individuato il giorno precedente mentre guidavano e stavano cercando potenziali obiettivi. "E 'stata una linea fantastica che ha avuto anche un audace arrampicata di misto, questa volta su ghiaccio sottile. È stato bello fare una via così importante all'inizio del viaggio, " ha detto Greg.

Il terzo giorno, la coppia ha scalato una grande diedro direttamente sull'inviolata parete ovest di Hatten. "Questa è stata una linea straordinaria che ha avuto un po'di interessante arrampicata su misto ed erba", ha spiegato Greg. 'La linea ha tagliato dritto la parete e il grande tetto che bloccava la strada sul penultimo tiro è stata una caratteristica interessante da trovare e poi scalare. Abbiamo anche incredibilmente trovato un po' di sole sul crinale in cima!

Il quarto giorno i due hanno aperto un altro itinerario nella stessa area di Ersfjord, questa volta sul monte vicino, lo Snaufjellet. La squadra ha scalato una linea diritta lungo la parete ovest incontrando un po' di ghiaccio ripido e sottile che collega la sezione centrale. "Una bellissima parete con una scalata super interessante in tutto", ha detto Greg.

Il quinto giorno c'è stata la sessione fotografica, ma ciò non ha impedito a Greg e Jeff di trovare un'altra linea di mista a sinistra della via aperta il primo giorno. Greg ha commentato: "Questa volta, quando abbiamo raggiunto la sporgenza, siamo saliti direttamente in alto per raggiungere una sezione di ghiaccio sospesa sopra un tetto. L'ultimo tiro a sé stante era di livello mondiale!

Il sesto giorno, la coppia ha pianificato di guardare una linea sulla parete nord di Breitind con l'intenzione di ritirarsi e risalire il giorno successivo per la salita. Nonostante l'arrampicata sia dura e necessiti audacia, si sono ritrovati preso a buon punto e hanno deciso di continuare verso l'alto. "L'arrampicata si è fatta più difficile man mano che siamo saliti e la luce ha iniziato a svanire", ha spiegato Greg. "Il tiro chiave era il penultimo tiro, ed era pieno di un ghiaccio molto sottile e delaminante, con un po' di arrampicata mista sostenuta. Ho guidato questo tiro pensando che sarebbe stato difficile anche per un singolo tiro in Scozia, per non parlare di 450 metri su una parete nord con il buio che avanza! C'è stato un momento in cui pensavo che avremmo fallito, anche se eravamo a soli 50 metri dalla cima. Ho impiegato tutto il mio coraggio e un sacco di combattimenti con i demoni nella mia testa per impegnarmi a scalare quel mostro strapiombante, a 30 m dalla fine. Tuttavia, alla fine mi sono ritrovato in cima con l'aurora che risplende sopra la mia testa!"

La ciliegina sulla torta è arrivata sotto forma della terza e ultima linea di ghiaccio inviolata su Finnkona. Greg aveva scoperto questa linea anni fa quando aveva letto per la prima volta sul Senja in un report su Ines Papert che saliva Finnmannen. "Era la linea più a destra delle altre tre linee e siamo stati super motivati per trovare una linea diretta e poi su per il ghiaccio su un terreno totalmente nuovo. L'arrampicata è stata divertente sulle sezioni miste più basse, e poi il livello è salito un po' quando il ghiacico è diventato strapiombante e sottile. Sono stato contento di trovare un passaggio attraverso i tetti ripidi per arrivare alla sezione di ghiaccio. ".

fonte UKC news

 

90th 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875