Giappone vs Slovenia: la seconda tappa di Coppa del Mondo Boulder a Mosca

Vittoria di Narasaki e Garnbret ma in semifinale Gabri Moroni ci fa sognare!

23 aprile 2018
La tappa russa regala ancora un grande spettacolo e il nostro italiano è tra i protagonisti della finale.

 
Anche se il Giappone quest’anno sta mettendo qualche atleta in meno nelle semifinali rispetto allo scorso anno, comunque le star nipponiche ancora monopolizzano i podi. Ora però, a contrastare il dominio orientale è la Slovenia in entrambe le categorie!

La seconda tappa di coppa del mondo, tenutasi a Mosca, vede infatti solo queste due nazioni a podio. Già nel 2017 Janja Garnbret è stata una delle pretendenti al titolo e si impone con forza anche quest’anno, vincendo questa gara davanti alle giapponesi Miho Nonaka e Akiyo Noguchi, ribaltando di fatto la classifica della prima tappa.

Analoga situazione in campo maschile, dove è però ora il giapponese Tomoa Narasaki a vincere davanti a due sloveni, Jernej Kruder, vittorioso a Meiringen, e la sorpresa di Gregor Vezonik, addirittura 51-simo in Svizzera e qui terzo.

Un bel sesto posto invece per Gabriele Moroni, che in finale deve arrendersi dopo aver fatto sognare nelle semifinali, nelle quali si era qualificato secondo alle spalle del campione del mondo in carica Jongwon Chon. A parte Gabriele, che ormai da diversi anni è il miglior rappresentante della nostra nazionale boulder nel mondo, gli altri italiani sono purtroppo lontani dalle prime posizioni: Riccardo Piazza 29, Marcello Bombardi 49, Matteo Manzoni 77, Francesco Vettorata 89, Filip Schenck 97, Andrea Zanone 99 e tra le donne Andrea Ebner 51 e Martina Zanetti 59.

Le finali, di cui riportiamo anche il video, sono state come sempre spettacolari, con molti movimenti dinamici e con un costo caro per qualunque minimo errore. Alla fine Janja Garnbret e MIho Nonaka terminano con lo stesso risultato, salendo tutti i problemi e con tentativi su top e zone identici, tanto che la classifica finale sarà decisa dal risultato della semifinale. Dietro di loro, la Noguchi ha dovuto chiudere almeno 3 top per conquistare il podio. Seguono Petra Klinger, Fanny Gibert e la campionessa in carica Shauna Coxsey, solo sesta ed evidentemente in difficoltà nel riprendersi appieno dall’infortunio.

Analoga corsa fino alla fine per gli uomini, ma solo il vincitore Tomoa Narasaki riuscirà a chiudere tutti i blocchi, mentre Kruder e Vezonik ne realizzano tre, così come Jongwon Chon, quarto in classifica. Solo quinto Aleksei Rubtsov nella gara di casa e davanti ai suoi tifosi; sesto come già detto in nostro Gabriele.

Anche se i principali contendenti al titolo iniziano a farsi avanti, resta sempre tutto aperto e solo con le prossime tappe vedremo come sarà la corsa per la vittoria!

 


Classifica finale maschile

1 - Tomoa Narasaki

2 - Jernej Kruder

3 - Gregor Vezonik

4 - Jongwon Chon

5 - Aleksei Rubtsov

6 - Gariele Moroni

 


Classifica finale femminile

1 - Janja Garnbret

2 - Miho Nonaka

3 - Akiyo Noguchi

4 - Petra Klinger

5 - Fanny Gibert

6 - Shauna Coxsey

740x195 climbingym

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875