[VIDEO] Hansjörg Auer: No Turning Back

L'incredibile alpinista austriaco si racconta in un nuovo favoloso film

20 dicembre 2017

Aprile 2007, due alpinisti tedeschi stanno scalando in Marmolada. Voltando lo sguardo poco lontano, vedono un puntino muoversi lungo la Via Attraverso il Pesce. Quel puntino non ha un compagno sotto, non ha corda, e sale veloce, dannatamente veloce. I due riescono giusto a scattare una foto a quel puntino che poi, dopo, si scoprirà essere un tale Hansjörg Auer, un talentuoso, temerario e abilissimo scalatore di cui non si sapeva quasi nulla. In quel preciso momento esplose un caso pazzesco. Oggi è impossibile non conoscere Auer e se davvero a qualcuno questo nome sfugge, è meglio forse farsi due domande se si sta facendo lo sport giusto. Chiedendogli maggiori informazioni su questa assurda solitaria, il giovane Hansjörg risponderà che non era neppure la prima che faceva.

Nato nel 1984, Auer ha salito il primo 3000 nel 1990 e dal 2009 è diventato un professionista della montagna. Tra le sue pazzesche free solo si registrano almeno Tempi Moderni (6c/ 800 m), Via Attraverso il Pesce (7b+/ 850 m), Locker vom Hocker (7a/ 350 m), Bayrischer Traum (7a/ 400 m) e Mephisto (6c+/400m) e sempre in Marmolada sale in libera L’ultimo dei Paracadutisti (8b+/ 650 m) e apre Bruderliebe (8b/800m). In Dolomiti libera con Thomas Schreiber Silberschrei (7c/300m), via aperta nel 2005 e realizza la prima ripetizione di PanAroma alla Ovest di Lavaredo dopo Alex Huber mentre in Austria centra la prima invernale di Schiefer Riss con David Lama e Peter Ortner.

Nel tempo ha rivolto anche lo sguardo alle grandi spedizioni extraeuropee tipo al Karakoram dove in Pakistan sale per la prima volta il Kunyang Chhish East (7400m) lungo una maestosa via di 2700 metri così come tra Nepal e India risolvono l’inviolata parete nord del Gimmigela East (7005m). Nelle Torri del Paine invece insieme a Much Mayr apre Waiting for Godot (7b/400m). Lo scorso anno ha salito slegato la Vinatzer/Messner in Marmolada, lo Spigolo Abram al Piz Ciavazes e il Grande Muro al Sass dla Crusc spostandosi tra le vette in parapendio.

Un mostro di bravura e polivalenza mantenendo comunque sempre la modestia propria dei grandi campioni. In No Turning Back, Hansjörg si racconta dalle origini al campione che è oggi.

Eigerextreme 740x195 it

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875